Dagli anni Novanta è stato il ‘centro’ e non la ‘periferia’ il focus del discorso pubblico sulle città in Italia, giustificato da un cambiamento sociale profondo: la crescente domanda di urbanità. Che questa domanda sia stata poi declinata secondo il paradigma neoliberale – a Milano più che in qualsiasi altra città italiana – è stata una scelta politica. Rigenerare in primo luogo il ‘centro’ e costruirvi abitazioni per super-ricchi e uffici per la produzione di servizi finanziari – e farlo verticalizzando la città fisica – è un modo specifico di declinare la domanda di urbanità; così come orientare ossessivamente al consumo e allo scambio gli spazi pubblici. Nel modello di città europea l’urbanità non si esprime però soltanto nelle pratiche che si svolgono nel centro delle città, nei punti focali primari. Si esprime anche nelle pratiche che si svolgono nei quartieri e nei vicinati – nelle grandi e medie città, in particolare. Si sarebbe dovuto guardare alla città come sistema, alle città di fatto e quindi agli hinterland, per declinare la domanda di urbanità.

All’inizio degli anni Novanta l’Italia aveva alle spalle quattro decenni di catastrofica espansione della città fisica. Si deve sempre avere sul tavolo almeno uno dei tanti libri che lo hanno raccontato, dimostrato; si deve farlo per avere presente la profondità dei disequilibri territoriali che si erano accumulati e i costi economici e organizzativi che si sarebbero dovuti sostenere per sanarli o mitigarli. Per come erano state male costruite durante la grande urbanizzazione (1950-1990), per come erano state ‘maltrattate’, il compito di rigenerare le città italiane, di farle avvicinare al modello europeo di città era difficile e richiedeva una strategia nazionale, risorse finanziarie e organizzative ingenti. E soprattutto la consapevolezza che le città sono i motori dello sviluppo economico e devono essere manutenute e adeguate.

Nei primi anni Novanta iniziava il declino economico italiano, mentre sotto l’influenza del paradigma neoliberale che stava diventando rapidamente egemone cresceva l’importanza del mercato come dispositivo di allocazione delle risorse. Per una città che presenta profondi disequilibri – come le maggiori città-di-fatto italiane avevano – la combinazione di declino economico e prevalenza del mercato nell’allocazione delle risorse è letale. Il mercato non-regolato cerca la rendita e il profitto, che in metropoli in crisi possono sperare di ottenere solo pochi e selezionati luoghi – soprattutto o esclusivamente nel ‘centro’. Il mercato non ‘vede la città’: di essa ‘vede’ solo quelle parti che hanno un valore finanziario – che sono piccoli frammenti del tessuto urbano in città in stagnazione o declino.

Della crisi delle grandi città italiane il ‘paradigma delle periferie’ racconta ben poco (e quel poco lo racconta male, visti i risultati elettorali della Sinistra, che su questo paradigma ha costruito le sue politiche). Le disastrate morfologie spaziali e sociali che incontri percorrendo le città-di-fatto italiane sono il prodotto di economie urbane ‘sfinite’; sono gli effetti di una base economica debilitata e fragile e di un’organizzazione economica che genera e rigenera disuguaglianze di reddito in una misura oramai incompatibile con un capitalismo democratico. Sono disequilibri cresciuti nell’arco di decenni, che segnano le città in tutta la loro estensione, che richiedono un radicale cambiamento del modello di regolazione economica e spaziale che continuamente li riproduce.

La politica si occupa di riqualificare le periferie, il mercato si occupa di rigenerare il ‘centro’: dentro questa retorica di divisione del lavoro scompare la città, la sua crisi. Credo si debba partire da Torino per capire quali sono i contenuti della ‘questione urbana’ in Italia, oggi.